Il mio blog preferito

martedì 20 aprile 2010

Sono piccoli, ma valorosi



Merry e Pipino, in un'assai filologica trasfigurazione felina

Frodo e Samwise, Meriadoc e Peregrino, i quattro hobbit della Contea, passano il loro tempo guardando dal basso in alto i vari protagonisti e sentendosi sempre del tutto inadeguati alla situazione; pure, non c'è dubbio che senza di loro nel libro non si caverebbe un ragno dal buco.
Di Frodo e Samwise, che riescono nientemeno che a strisciare fino alla Voragine del Fato e a distruggere l'Anello (con l'aiuto di Gollum che, non va dimenticato, in origine era pure lui un hobbit) è perfino inutile parlare, senza di loro la storia semplicemente non ci sarebbe. Ma anche l'intervento dei due cuginetti più aristocratici, Merry e Pipino, non è certo da sottovalutare. Diciamo che mentre i due hobbit borghesi si preoccupano di sbrigare gli affari veramente importanti, ovvero dell'Anello, i due aristocratici badano alla guerra, che ha come principale scopo quello di distrarre Sauron mentre i due hobbit borghesi strisciano etc. etc.

A questo scopo i due hobbit più giovani provvedono prima di tutto a liberarsi da quegli insopportabili Uruk-hai che li hanno catturati, per poi rifugiarsi nella foresta di Fangorn, evitando accortamente il settore degli Ucorni, con i quali sarebbe estremamente increscioso avere a che fare. Incontrano invece Barbalbero, lo conquistano con la loro grazia fanciullesca e lo convincono nel giro di un paio d'ore a organizzare una spedizione di Ent e Ucorni contro Isengard.
Dopo il passaggio degli Ent, a Isengard non resta letteralmente pietra su pietra; ma gli Ucorni hanno ancora fame e sono dispostissimi a fare una piccola deviazione e spazzar via anche gli eserciti di Isengard. In seguito gli Ent svolgono un utile opera di salvaguardia per la terra di Rohan - ma se gli hobbit non fossero andati a chiamarli, si sarebbero limitati a restare nei loro boschi bofonchiando che le cose non stavano andando granché bene mentre gli Ucorni ucorneggiavano ancor più di malumore.
Giunti a Isengard, Pipino si prende la briga di testare una strana sfera di cristallo. Permette così a Aragorn e a Gandalf di scoprire senza (loro) rischio che si tratta di un palantìr, che poi Aragorn userà per distrarre Sauron con qualche effetto speciale mentre questi sta radunando gli eserciti per andare contro Minas Tirith.
Al momento della battaglia Merry aiuterà Eowyn ad uccidere il Re degli Stregoni (salvandole nel contempo la pelle) mentre Pipino riuscirà nell'epica impresa di salvare Faramir non tanto da sciocchezze quali gli orchetti o i Nazgul, ma dal ben più pericoloso abbraccio mortale del suo amoroso padre. I due hobbit riescono così a preservare la materia prima per l'unica storia d'amore nata all'interno del romanzo, contribuendo a formare una gran bella coppia.
Ovviamente, agli ultimi capitoli, rimettere a posto la situazione nella Contea gli richiederà pochi giorni e pochissimi colpi di spada. Poi passerò Sam con la sua scatoletta di legno di rosa a ripulire il terreno e tutto tornerà come prima grazie a un po' di lavoro.

Non male per dei teneri, piccoli indifesi hobbit tanto carini e simpatici e tanto inadeguati alla dura vita fuori dai confini protetti della Contea...

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Carissima, seguo volentieri la serie "libri che mi hanno cambiato la vita" . Un grande abbraccio ai felini di casa. Alla fine ho messo anche le lasagne e altri dolci che la zia ha preparato. poveraccia pareva la festa dello straordinario, altro che quella della mamma.
Un abbraccio da
Dani Balena e Esserino

Murasaki ha detto...

I felini ringraziano e ricambiano ^__^
Quanto a mamma Holly... beh, se il suo concetto di "Festa della Mamma" è una mamma che lavora come un castoro per preparare una bella festa...
Alla fine, voi siete sazi e ben farciti e lei è contenta, dunque va tutto bene ^__^

Linda ha detto...

Ciao Murasaki, su consiglio di 'povna sto leggendo, pian piano, tutto quello che hai scritto sul "Il Signore degli Anelli" (dunque, non spaventarti se troverai molti accessi dal mio blog: non sono una stalker!), meraviglia che ho finito di leggere da poco tempo. Alcune cose che scrivi sono bellissime e molto originali, direi anche divertenti (come questo post sui nostri 2 fantastici hobbit) altre sono avvincenti e convincenti (come quello sul nostro vero e amatissimo eroe Sam) altri ancora sono emozionanti come quello sulla bella e purissima Eowyn.
Vabbè, basta...
Insomma io sono qui che leggo le tue cose, un po' per continuare a sentire la magia di quella (indimenticabile) lettura; tu fa' come se non ci fossi. :-)
Un saluto, Linda

Murasaki ha detto...

@Linda
Una stella brilla sul nostro incontro!
Accidenti se ti capisco, quando finisci di leggere quel libro ti senti sempre un po' orfana. Se i miei post riescono ad alleviarti almeno un po' questa condizione, per me è un grande onore.
Benvenuta e rilassati: intervieni se ti va e non intervenire se non ti va, e non preoccuoparti degli accessi: non ho ancora scoperto come si controllano (né ho mai cercato di capirlo, lo ammetto) e dunque nessun accesso rischia di preoccuparmi ^__^