Il mio blog preferito

lunedì 28 dicembre 2015

Tolkien e la politica, ovvero sul reggimento degli stati nella Terra di Mezzo

La bandiera di Dol Amroth (monarchia assoluta, si suppone)

Molto si è discusso nei tempi andati (in Italia, solo in Italia. Altrove han trovato di meglio per passare il tempo) sull'avvincente questione se lo stimato scrittore J. R. R. Tolkien fosse di destra o di sinistra e, sempre in Italia, negli anni 70 e 80 prevalse in molti ambienti la convinzione che fosse di destra, e addirittura di orientamento fascista.
Argomenti precisi per questo reclutamento forzato non ne vennero indicati mai, e va aggiunto che tale reclutamento avvenne quando lo stimato scrittore giaceva ormai da qualche anno sotto svariati palmi di terra ed avrebbe quindi incontrato notevoli difficoltà a dire la sua sulla questione. 
Tuttavia un orientamento politico Tolkien ce l'aveva, come ce l'hanno tutti, anche quelli che sono convinti di non interessarsi affatto di politica. 

In che modo questo orientamento abbia influenzato le forme di governo che incrociamo nella Terra di Mezzo nei due romanzi che ha pubblicato da vivo è difficile da stabilire, perché appunto stiamo parlando della Terra di Mezzo sul finire della Terza Era, ovvero di un mondo che non ha (quasi) conosciuto la rivoluzione industriale, il comunismo e i moderni mezzi di comunicazione ma che dispone di alberi socialmente organizzati, stregoni e balrog, montagne dotate di libero arbitrio, un Oscuro Signore senza forma ed altri elementi piuttosto estranei alla nostra politica attuale, oltre a un sacco di elementi soprattutto economici che non vengono mai chiariti - e sono tutti fattori che spostano la visione politica al di là della moderna divisione tra "destra" e "sinistra".

Abbiamo comunque numerose comunità, ognuna organizzata a modo suo, e svariati individui ed entità che vivono a modo loro. Ci sono regni, dittature, libere città, tribù, libere comunità e qualche individuo che sta per conto suo, più adunanze varie di spettri e fantasmi vari e una grande quantità di terre abbandonate, desolate o distrutte. La maggior parte della Terra di Mezzo che conosciamo è spopolata. Andando verso sud comunque le cose cambiano, anche se della parte più popolata Tolkien non ci dice praticamente nulla, nemmeno nelle appendici.

Quel che segue è un tentativo di descrivere politicamente le varie entità della Terra di Mezzo di cui ci viene detto qualcosa, senza alcun  riferimento agli scritti che Tolkien non ha pubblicato in vita.

Prima di tutto i re degli uomini (di fatto, gli unici regni che conosciamo un po' sono quelli di Gondor e di Rohan). 
Nella Terra di Mezzo i re abbondano, ma dobbiamo considerare che Tolkien ha vissuto per tutta la vita sotto una monarchia (costituzionale) e, quando ha progettato la Terra di Mezzo, i re erano molto più comuni di adesso. 
C'è poi il tema del ritorno del Re, tanto importante da intitolargli un volume della trilogia del Signore degli Anelli. E' un tema piuttosto diffuso nelle leggende: lo stesso Artù è un re che ritorna attraverso il prodigio della spada nella roccia, e lui e Carlo Magno non muoiono davvero, si limitano ad addormentarsi in una qualche montagna fatta di luce o in un isola incantata per risvegliarsi quando sarà necessario. C'è poi un altro Re il cui ritorno viene atteso generazione dopo generazione, ed è Gesù che tornando inaugurerà finalmente il Regno di Dio. Ad ogni modo un re che ritorna è un re che si è lasciato dietro un vuoto di potere e una speranza che potrebbe non realizzarsi mai ma che continua a vivere nei proverbi e nelle speranze dei sudditi.
Nella Terra di Mezzo quello che è scomparso è il re di Gondor. E' una storia molto complicata, raccontata nelle Appendici: prima sparì la stirpe dei re del Nord, ingoiati dai ghiacci e dalla sorte avversa (nella fattispecie, la sorte avversa è il re di Angmar, noto anche come capo degli Spettri dell'Anello). La cosa però non è proprio chiarissima: muore l'ultimo re incoronato, ma la stirpe in qualche modo sopravvive, nascosta e protetta dai pochi Dunedain rimasti. Aragorn discenderà da quel ramo.
Nel grande regno del Sud l'ultimo dei re scompare, attirato da una sfida impossibile dal re di Minas Morgul. Al suo posto resterà a fare funzione di re il Sovrintendente. Si suppone che il re sia morto, ma nessuno ha visto il cadavere, per cui, chissà... e i Sovrintendenti si passano il potere di padre in figlio, visto che non c'è un pretendente su cui tutti sono d'accordo, e che tempo prima c'era stata una guerra civile. Passano i secoli, e i Sovrintendenti regnano a Gondor, uno dopo l'altro, ma senza usare la bandiera del Re e senza sedere sul trono. 
E tutti aspettano, ma nessuno crede veramente che i Re possa davvero tornare (tranne Elrond che sta pazientemente covando i discendenti della stirpe del Nord). Secolo dopo secolo passano più di  mille anni a Nord e un po' meno di mille anni a Sud. Nel Nord si organizzano a modo loro, nel Sud regnano i Sovrintendenti, ma a prendere il trono per chiamarsi Re non ci pensano nemmeno: quando Boromir suggerisce qualcosa del genere al padre, Denethor gli spiega che non è ancora tempo e non lo sarà per un bel pezzo.
Non ci viene detto un accidente sulle strutture politiche di Gondor, per cui possiamo immaginare che ci sia una monarchia assoluta, retta nell'attesa di un improbabile ritorno del Re da un Sovrintendente assoluto, e questo è quanto. I re di Gondor sono tali per diritto divino, o meglio per per manifesta superiorità razziale (e anche i Sovrintendenti sono discendenti dei Numenoreani, anche se il loro sangue è un po' meno puro).

Si tratta comunque di un regno in guerra da molte generazioni, quindi in una situazione in cui gli organi democratici hanno comunque un potere ridotto sempre e comunque, ed è 
possibile che, una volta tornate la pace e il re, le maglie si allentino. Resta il fatto che non c'è traccia di parlam,enti, consigli della corona né altro. Il Sovrintendente è solo al comando.
Ad ogni modo Aragorn si preoccupa prima di tutto di meritarsi il diritto al trono, e di essere accettato come re, senza imporsi (anche se il re di Dol Amroth stabilisce fin da subito che Aragorn è il re, punto e basta) e in seguito sarà un re molto attento a tutelare le differenze culturali: assegna ufficialmente delle terre agli Uomini delle Foreste, vieta l'ingresso nella Contea alla Gente Alta (includendo lui stesso nel divieto) eccetera; e accetterà di diventare Re solo dopo essere stato acclamato come tale.Resta il fatto che i Numenoreani sono monarchi per diritto divino, e fatti di una pasta diversa da quella dei comuni mortali (anche se questo non ha impedito ad alcuni di loro di comportarsi in modo estremamente stupido, a Numenor e anche nella Terra di Mezzo) e soprattutto che "le mani del Re sono mani di guaritore" - una caratteristica attribuita ai re francesi e nata per mettere l'accento sulla consacrazione divina, ai tempi in cui la monarchia francese si incamminava sulla strada dell'assolutismo.


L'altro regno di cui sappiamo qualcosina è quello di Rohan, che ha  un ordinamento
di tipo altogermanico (o celtico), con l'assemblea dei Liberi, cioè di tutti i maschi in grado di portare una spada, e dove il re è un primus inter pares. Comunque l'unica volta che vediamo quest'assemblea gli uomini ribadiscono la loro fedeltà alla casa di Eorl e chiedono che a guidare la popolazione civile in assenza del re sia Eowyn, in quanto discendente della casa di Eorl. Nel complesso, è un popolo serio e disciplinato, ma che mantiene buoni margini di libertà personale.

Proprietà privata: esiste, ma sembra esistere anche parecchia proprietà collettiva, come succede spesso dove la densità della popolazione è bassa.

Abbiamo poi la Città di Brea, dove convivono serenamente uomini e hobbit. Non sappiamo assolutamente nulla di com'è organizzata, ma si suppone che sia un qualche tipo di Consiglio o Assemblea, almeno per decidere a che ora chiudere i cancelli della città.
Hanno i soldi, come nella Contea, ma non sappiamo chi batte le monete.

Di Esgaroth sul Lagolungo sappiamo che ha un governatore, che è stato in qualche modo scelto o eletto. La popolazione è piuttosto umorale e il governatore sta ben attento a non contrariarla. Un tempo, prima dell'arrivo di Smaug, c'era un re, e dopo la morte di Smaug il discendente dei vecchi re salirà al trono per acclamazione popolare. Sappiamo che governerà bene e con saggezza, ma non sappiamo che tipo di monarchia sarà perché nessuno ce lo dice.
Commerciano, quindi si suppone che battano moneta. Però, quando li incontriamo ne Lo Hobbit, hanno soltanto il reame degli elfi silvani con cui commerciare.
Se gli Elfi usino monete, è e resta un mistero insondabile.



Passiamo agli hobbit.
Parlare di istituzioni e governo con gli hobbit è quasi una presa di giro: la Contea è organizzata in base al principio dell'anarchia e del libero arbitrio. Le pubbliche istituzioni si limitano a qualche Guardaconfini, qualche postino, un Conte che non fa niente di particolare a parte chiamarsi così, e infine il Sindaco di Pietraforata, che viene eletto con la precisa mansione di organizzare feste e banchetti.
Niente esercito, niente magistratura. In questa quasi totale anarchia, la Contea se la passa d'incanto: è un paese ricco, ordinato e popolato da abitanti per lo più di buon umore. I bambini vengono cresciuti secondo i criteri dell'educazione permissiva, e tutti si fanno la vita loro in grande autonomia. Tutto è pulito, ordinato e piacevole.
Certo, all'esterno ci sono i Rangers che sorvegliano la situazione: "erano protetti ma lo dimenticarono". Comunque le minacce, appunto, vengono dall'esterno.
Questo regime così piacevole e sensato crolla come un castello di carte all'arrivo di qualche Uomo malintenzionato. Consideriamo però che anche la dittatura instaurata dagli uomini in questione crolla come un castello di carte quando gli hobbit si danno una svegliata. (Se la sarebbero data anche senza i Quattro Baldi Viagggiatori? Tutto lascia pensare di sì: non scordiamo che il Vecchio Tuc aveva cominciato a pestare i piedi sin dall'inizio)
Tanta anarchia comunque non mette minimamente in discussione la legittimità della proprietà privata.

Gli Ent sono una democrazia diretta, se mai se ne vide una: il lloro regime prevede un enorme margine di libertà personale e un solo organo di potere: l'Entaconsulta, dove le decisioni vengono prese all'unanimità e dove ogni Ent ha parità di diritti e rappresenta solo sé stesso. Il massimo di gerarchia di comando che troviamo  è qualche capo carismatico, reso tale in virtù della maggiore età ed esperienza.
Nota bene: gli Ent diffidano della fretta, ma NON delle novità: il Progresso non è considerato male in quanto tale e le tradizioni non sono necessariamente sacre - solo,
Progresso non e' considerato male in quanto tale, e le tradizioni non sono sacre - solo, occorre valutare tutto con attenzione, e senza fretta.
Per quanto riguarda la proprietà privata,  sappiamo che Fangorn (alias Barbalbero) ha dato il nome alla foresta dove vive, ma sembra considerarlo suo territorio solo perché, appunto, ci vive.
Un tragico accidente li ha privati della parte femminile della popolazione, rendendoli un popolo in via di estinzione. Ad ogni modo le signore Ent se ne sono andate (per inventare l’agricoltura) semplicemente perché hanno voluto andarsene, e nessuno ha trovato strano o ingiusto che chi voleva andarsene se ne sia poi effettivamente andato.
Insomma, gli Ent sono l’unica popolazione della Terra di Mezzo dove vige la parità dei sessi, e sembra molto probabile che le signore Ent partecipasserro all’Entaconsulta con diritto di voto.
Non hanno denaro né saprebbero cosa farsene, e non commerciano dal momento che non gli serve niente a parte la loro foresta, dove sono perfettamente autosufficienti.

Dei Nani si sa poco. Hanno la monarchia, visto che ci sono dei re, ed è una monarchia ereditaria ma non risulta che abbiano mai avuto regine (né risulta  il contrario).
Considerando il caratterino dei nani, si tratta probabilmente di monarchie costituzionali, con mooolti  organi per affiancare il re nelle sue funzioni. Di sicuro ci sono delle assemblee per discutere.
Se qualcuno vuole farsi un regno in proprio, nessun problema: sceglie un territorio e ci va con chi lo segue.
Quanto alla proprieta' privata... vabbè, lasciamo perdere.
Dal momento che vivono soprattutto di commercio, lavorazione dei metalli e alto artigianato, hanno il denaro e lo amano anche molto.
Il loro sistema politico funziona?
Altrochè. Almeno per quel poco che sappiamo dei Nani.

Veniamo agli Elfi
Qualcuno ha capito che tipo di governo hanno gli Elfi? 
Monarchia, visto che hanno i re - i quali re sembrano, in un certo senso, essere l'emanazione della volontà del loro popolo. I sudditi elfi sembrano molto disciplinati ma non sottomessi (e, nei primi capitoli i del Silmarillion, anche politicamente piuttosto effervescenti).
Ad occhio, sembrerebbe una Monarchia Assoluta basata sul consenso.
Non sembra esserci proprietà privata per la terra, ma solo per alcuni oggetti. 
Il loro sistema politico funziona?
Mah, non e' chiarissimo. Il punto è che alla fine della Terza Era gli Elfi nel loro complesso non funzionano piu' granché - ma non sembra un problema legato alle strutture politiche.

Infine Mordor (e, su scala molto ridotta, Isengard)
Qui possiamo senz'altro parlare di Feroce Dittatura. Siccome Mordor è a est, qualcuno ci ha visto una descrizione dell'Unione Sovietica  (ed è stato smentito con grande fermezza da Tolkien). 
Ma, siamo seri: le masse proletarie di Mordor vi sembrano al potere, sia pure nominalmente?
C'è molta ferocia, molta efficienza e molto nero. I prigionieri vengono maltrattati senza pietà, i sottoposti sfruttati fino all'osso. Si accenna anche a manipolazioni genetiche e Orrori Non Ben Definiti (per riguardo allo stomaco dei lettori).
Culto del dittatore: assoluto. Potere delle masse: zero.
Democrazia rappresentativa: meno di zero. Il regime di basa soprattutto sulla paura.
Organi repressivi, misure punitive e limitazioni della libertà personale: ottimi e abbondanti.
Scontento: diffuso, e accuratamente coltivato. Appena due orchetti hanno un attimo di tranquillità, prima di tutto si mettono a mugugnare contro le Alte Sfere, poi cercano di ammazzarsi tra loro. Questo crea una continua corrente di paura, molta diffidenza reciproca ma nessun danno per il dittatore di turno, che tanto ne ha un'infinita' a disposizione.
Proprieta' privata: esiste. Infatti tutto e' di proprieta' di Sauron (o di Saruman).
Considerati gli anni in cui il libro e' stato scritto, la tentazione di vedere il regime nazista come fonte di ispirazione e' molto, molto forte.
Il sistema politico di Mordor e Isengard funziona?
Mica tanto. Capi e subordinati mancano di flessibilità mentale e di capacità nell'affrontare gli imprevisti. Dal momento che gli viene chiesta soprattutto un obbedienza assoluta, sul piano del problem solving non se la cavano granché.
Un po' più di fantasia al potere gli avrebbe fatto un gran comodo - ma certo, se fossero stati in grado di avere la fantasia al potere, sarebbero anche stati molto diversi.

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Molto interessante, come sempre, la tua analisi, carissima Murasaki .
Buon Natale, oppure sarebbe meglio dire buone feste, visto che Natale è passato, ma le feste ancora non sono finite.

Ornella

la povna ha detto...

Questo è un bel post natalizio, ché secondo me riletture o visioni ripetute di TLOTR si prestano a questo pigro clima vacanziero.
Aggiungo solo, sul tema del ritorno del re atteso, il peso che può avere avuto anche la leggenda di Sebastiano I di Portogallo il "Desiderato", visto il cospicuo numero di opere letterarie che ha ispirato. Ricordo che rileggendo il romanzo dopo il liceo mi colpirono subito le somiglianze anche con questa storia.
Sull'Est, concordo con te, niente di comunista, ma non dimentichiamo che anche la Germania è a est della Gran Bretagna, e io viceversa in certi movimenti hobbit all'interno della guerra dell'anello ci ho sempre visto un bel richiamo a Dunquerque.

La prof ha detto...

[O.T.] Sono sparita nel multiverso
di chi è un po' stanca
di maestrine e criticoni,
di buone pratiche e perfezioni ;-)
di chi ha curato tre volte l'anca
a madre capo tribù ai brontoloni;
di chi ha inseguito (cosa che sfianca)
uno, due gatti un po' coccoloni;
di chi si è fatta un po' male in banca
per colpa di quattro o cinque coglioni;
di chi ha deciso, di chiacchiere stanca,
di dedicarsi a un po' di libroni.

Ho letto, ho scritto, ho socializzato
(su qualche social di quelli veloci)
libri, disegni e il fotografato.
Ho evitato commenti feroci
(per loro: augurio aculeato)
quelli noiosi, e anche gli incroci
con chi si mostra arzigogolato.

Voilà, carissima, ho perso occasioni,
ma a ricompensa della lontananza
ho anche perso quei brontoloni
che al solo entrare ti gelan la stanza.
Ora riposo il corpo e la mente,
sto ben lontana dalla Capa Torta,
se qualche figu mi appare, insistente,
lascio in un angolo, tengo di scorta.

E chissà mai che, riavuti i soldoni,
e ricucita la mater sbilenca,
corretti tutti i miei temi e i faldoni,
tornata forte e gioiosa giovenca
(rima che ha steso ormai tutti bocconi)
io torni anche a scrivere di scuola,
di figu, alunni e di grame colleghe.
Torni, cioè, nella bella aiuola
del vecchio blog con sue solite beghe.

wolfghost ha detto...

ahah una tale dissertazione sull'orientamento politico degli stati nella Terra di Mezzo è fantastico! :-D So che il mondo è pieno di estimatori di Tolkien, ma davvero toglierti lo scettro di più profonda conoscitrice, ed anzi aggiungerei studiosa, è davvero dura!! :-D

Colgo l'occasione per lasciarti i miei migliori auguri per un felice 2016 :-)

www.wolfghost.com

ellegio ha detto...

Sarebbe un bel modo di spiegare un po' di cose in classe :-) (ma ho sempre pensato che i tuoi virgulti sono particolarmente fortunati).
Posso approfittarne per salutare la NostraProf?

Linda ha detto...

Ho avuto un anno di letture bellissime e molto stimolanti, ma Tolkien mi è mancato e mi manca da morire; ho letto questo tuo delizioso post con il sorriso sulle labbra e credo che sia giunta l'ora di ricominciare (il cammino della conoscenza, per me, è ancora lungo).

Ho sempre pensato che Tolkien avesse un debole per Aragorn, perché il nostro eroe non sembra solo un concentrato delle migliori qualità umane (leale, politicamente corretto, fedele, dalla parte degli indifesi, intelligente, discreto, accorto, riservato, coraggioso, affascinante e generoso) ma viene anche toccato dalla grazia divina, divenendo (o forse lo è sempre stato) un "santo" guaritore. E nelle mani dell'Uomo migliore, ha inizio, nella Terra di Mezzo, una nuova era, libera e pacificata.
Io non credo nell'Uomo del Destino, quello che guida i popoli verso la rinascita, ma per uno come Aragorn potrei anche cambiare idea. ^__^

Un saluto cara Murasaki, e felicissimo 2016!

acquaforte ha detto...

Sto organizzando le mie vacanze estive. Il tuo post mi ha dato qualche spunto. Ho sentito parlare di tre regni che vorrei visitare. Il primo è una città all'estremo est, quella che vive di commerci, mi stimola. Vi si può incontrare gente che arriva da chissà dove, nessuno pontifica sulla tua razza o religione. Mi piace. Eppoi è praticamente sotto una montagna solitaria, di cui ho sentito molto parlare. Non per le sue ricchezze, che credi!, ma per i suoi abitanti. Gente Speciale, abilissimi a lavorare le pietre, coraggiosi e leali fino alla morte.
Anche gli altri 2 sono interessanti. Re di antichissime casate, alcuni, si dice, con "potere di guarigione"; città bellissime addossate alla montagna, "caverne scintillanti", foreste magiche (alberi che si muovono e parlano! Io non ci credo). Gente alta, bellissima, alcuni sono chiamati "signori dei cavalli", pensa te.
C'è poi quella che viene chiamata La Contea, che mi intriga molto. Sembra sia abitata da piccoli uomini, buffi, allegri, pronti a organizzare grandi feste, ma coraggiosissimi alla bisogna. C'è un conte, ovviamente, alcuni sindaci, ma sopratutto alcune famiglie storiche molto importanti. Non sono molto politicamente corretti, nei locali pubblici fumano alla grande e producono una eccellente erba-pipa.
Ho letto che tu conosci bene questi posti. Sai, potrei anche trasferirmi laggiu. Mi passi le coordinate GPS ?

Murasaki ha detto...

Ringrazio commossa tutti quelli che continuano a commentare il blog come se fosse un posto dove c'è garanzia di una risposta da parte della padrona di casa, e auguro a tutti un felice e glorioso 2016. Ho fede che prima o poi questo incubo informatico abbia termine ^__^

@Ornella:
Le feste giusto stanotte saranno a metà - in realtà il meglio deve ancora venire. Auguri e felicità per il 2016 :)

@la povna:
La storia di Sebastiano I del Portogallo mi mancava completamente e ne ho scoperto l'esistenza solo grazie a te ^__^
Senza dubbio assomiglia molto alla scomparsa del re del Nord.
Quanto a Dunquerque, ne so il giusto, ma è certo che l'ombra delle due guerre mondiali pesa molto sugli ultimi due libri (e durante la seconda Tolkien ebbe modo di ricordare molto della prima, che aveva in parte vissuto).

@La Prof:
Sì dolce e sì gradita
è stata per me
la tua poetica ricomparita
che felice naffé
aspetto con speranza e con desio
lo lieto giorno che ci arrecherà
tue liete nuove, ond'io
confido che si placherà
tua giusta ira e 'l tuo spallamento
e tosto la tua penna ci darà
tue nuove, per nostro gran contento.
Nell'attesa ti auguro un felice
nuovo anno e possa la celeste
giustizia far di te vindice
legittima di banchiera peste.
Buon duemilasedici ordunque
a gatti, prole, genitrice e consorte
e lieta si appresti comunque
strage per te di infami Cape Torte!

@Wolf:
Felice 2016 per te, per Lady Wolf e per tutta la vostra variegata famiglia, compresi i bellissimi nuovi arrivati.
Tuttavia sappi che vi sono al mondo persone ben più esperte di me di Tolkien, che ne conoscono a fondo anche gli scontrini della spesa. Io però preferisco analizzare quello che ha pubblicato, perché lo ha pubblicato di sua spontanea volontà ritenendolo pronto per la pubblicazione e perché, per me, è soprattutto l'autore di due splendidi romanzi ^__^

@LGO:
ti assicuro che l'ultima classe che ho licenziato non si riteneva particolarmente fortunata - e probabilmente non lo era. Ma ti ringrazio perché per un insegnante i complimenti, meritati o meno che siano, sono come il polline per le api :)

@Linda:
Tutti noi, specialmente italiani, dopo tanti Unti del Signore, saremmo davvero felici di avere tra le mani qualcuno come Aragorn, che tra l'altro ha l'immensa dote di saper tenere i piedi a terra. Ma sono molto rari, mi dicono.
Felice 2016 anche a te, che possa portare a compimento tutte le belle cose che hai avviato nel 2015 ^__^

@acqyaforte:
Carissima, tra le mie doti nemmeno i miei migliori amici hanno mai messo la capacità di organizzare itinerari sicuri. La cosa più pratica per te è fissare un volo con le Gwahir Airlines, specificando bene il punto di arrivo. Consiglio Gran Burrone, che ha l'unico difetto che una volta che uno ci è arrivato non vorrebbe mai partire, ma se ti fai forza e riesci a lasciarlo dovresti raggiungere facilmente i tre luoghi da te scelti: mi dicono che col nuovo cambio di regime a Monas Tirith, adesso le strade sono molto più sicure e anche il cancello del Cornorosso non crea più problemi, soprattutto se varcato in estate o a inizio autunno :)