Il mio blog preferito

venerdì 6 marzo 2015

La profezia di Celestino - James Redfield (cronaca di uno sconsiglio dei tempi andati)

Il libro che qui sconsiglio è uscito più di vent'anni fa. A suo tempo se ne fece un gran parlare e tuttora volendo lo si trova nelle librerie (ma naturalmente vi sconsiglio di cercarlo). Tuttavia è legato a un ricordo per me molto divertente, che desidero condividere con gli amici del Venerdì del libro, ovvero quello del mio unico, e involontario, sconsiglio.
Di solito, se un libro non mi piace mi chiudo in un delicato silenzio o spiego pudicamente che "non è nelle mie corde": sono infatti assai consapevole che quel che a me appare un autentica palla ad altri può apparire ricco di infiniti pregi che io non riesco a vedere - dopotutto, tra i libri che proprio NON mi sono piaciuti ci sono il Canzoniere di Petrarca, Il giovane Holden e Il piccolo principe, che di solito non vengono ritenuti la feccia della letteratura. Non tutti abbiamo le stesse corde e la stessa sensibilità, quindi davanti all'entusiasmo altrui per un presunto capolavoro che a me fa solo venire un gran sonno o un gran nervoso taccio e mi defilo.

Andiamo un po' più a fondo nei dettagli: La profezia di Celestino è una roba molto new age, scritta maluccio (ma non pretende di essere un capolavoro della letteratura) in cui si racconta di un antico manoscritto che illustra varie chiavi per l'evoluzione spirituale dell'umanità, che potrà così raggiungere un adeguato grado di illuminazione aprendosi al mondo e alla Conoscenza. 
Detto così, avrebbe avuto parecchie carte in regola ai miei occhi (seppure dell'antico e falso manoscritto peruviano casualmente rinvenuto, volendo, mi sarei adattata di buon grado a fare a meno): i libri sulla spiritualità mi interessano e li leggo volentieri, le storie di persone che raggiungono l'Illuminazione anche, e più di una volta hanno influito sulla prospettiva da cui guardo il mondo e la vita. Di solito attingo a fonti abbastanza antiche e blasonate, ma dopotutto ho letto volentieri anche roba piuttosto moderna del settore, anche americana.
Forse proprio perché qualcosa in merito l'ho già letto, è possibile che la grandiosa scoperta che le piante possano avere sensibilità e financo un aura energetica non mi abbia stravolta per la gran sorpresa - voglio dire, il livello non è proprio elevatissimo. Per chi vuole saperne qualcosa di più sul libro comunque basta andare qui

E veniamo alla mia storia.
Tanti e tanti anni fa, ad una cena a casa di una cara amica, costei ci raccontò che aveva visto quel libro in libreria e l'aveva comprato, convinta che fosse un libro dedicato a Celestino V, un papa che si dimise da papa in tempi assai medievali e che alcuni ritengono essere quello cui Dante dedicò il celebre verso "che fece per viltade il gran rifiuto". Tale interpretazione è contestata da molti (secondo me del tutto a ragione) ma insomma il personaggio è interessante e infatti ha interessato molte persone, non solo medievisti: Silone per esempio ci scrisse su un dramma teatrale, L'avventura di un povero cristiano.

"Racconta, racconta" chiedemmo, assai disposte a interessarci alle vicende di Celestino V.
"Macché, Celestino V non c'entrava neanche di striscio" ci disilluse l'amica, e passò a descriverci con parole di fuoco il libro, che le aveva fatto assai schifo dalla prima all'ultima pagina; tra l'altro lei non aveva mai nutrito alcun interesse per le storie basate sull'elevazione spirituale dei protagonisti. Un altra di noi che lo aveva letto (fermandosi però alle verdurine che si illuminavano mostrando la loro aura) appoggiò in pieno il suo parere e anzi lo integrò con nuove e orripilate descrizioni.
Dopo aver riso fin quasi a soffocare finii per prendere in prestito il libro, desiderosa di cimentarmi anch'io con tanto orrore. Mi venne dato assai di buon grado, con la raccomandazione che, caso mai mi fosse piaciuto, me lo tenessi pure senza farmi scrupoli del tutto superflui. Promisi.
E lessi il libro.

Qualche giorno dopo telefonai alla gentile prestatrice.
"Ho letto il Celestino" le dissi "Non è poi così male, secondo me avete esagerato. Se sei in casa con un forte raffreddore, per esempio, è una lettura che può andare perché non ti impegna tanto e così ci passi un pomeriggio in cui tanto non avresti potuto fare niente di utile. Certo, è un libro da prendere solo in prestito o in biblioteca perché se lo compri poi ti dispiace avere sprecato così i tuoi soldi, e se te lo regalano ti dispiace lo stesso, perché sai che qualcuno ci ha speso dei soldi pensando di farti un piacere, e invece tu avresti preferito che si fosse comprato un bel CD o fosse andato in birreria con un amico per bere alla tua salute, o anche solo alla sua".
Davanti a quelle che a me sembravano parole concilianti, non disgiunte da un vago apprezzamento, e comunque ben lontane dalla sua drastica stroncatura, l'amica si mise a ridere pazzamente.
Mi disse che nella sua mente era balenata l'immagine di quelle fascette elogiative che allegano spesso ai libri:
"Un libro che non va regalato, ma solo prestato!" 
"Ideale per quando avete un forte raffreddore e non siete buoni a fare nulla!" 
"Non regalatelo, piuttosto andate a bere una birra con un amico!" 
"Raccomandato dai produttori di birra!" eccetera eccetera. 

Fu così che il mio sconsiglio si guadagnò fama e onori, e anzi passò alla storia (all'interno della mia piccola cerchia).

Con questo post strettamente autobiografico partecipo al Venerdì del Libro di Homemademamma, con l'augurio che le vostre letture di questo fine settimana non vi facciano desiderare di avere un forte raffreddore per apprezzarle meglio.

13 commenti:

viviana-nella classe arancio ha detto...

Finalmente trovo qualcuno a cui non piace Il giovane Holden!

acquaforte ha detto...

Del Piccolo Principe, non sono mai arrivata alla fine. Mi terrò lontana dal Giovane Holden e dalle profezie di chiunque, senza difficoltà, visto che quel tipo di spiritualità mi fa venire l'orticaria (mi considero atea, ma con grande dispiacere ).
About il Canzoniere, ci farò un pensierino. Mi incuriosisce. Proprio così brutto (!?!)

la povna ha detto...

Ricordo quando uscì, e ricordo di averlo trasvolato solo in libreria, giusto per essere sicura che non fosse, come immaginavo, nelle mie corde (che in quanto a illuminazioni et similia mi pare risuonino con quelle della tua amica).
Sulla base dunque solo di quella rigorosa e parzialissima non-lettura, mi associo agli applausi per il tuo s-consiglio, che in ogni caso sottoscrivo.

dolcezzedimamma ha detto...

Considerato che sono raffreddatissima e che si prospetta un fine settimana in clausura..,me lo presti per favore?

gaberricci ha detto...

Questo libro l'ho sempre evitato come la peste, e dalla tua recensione, credo di aver fatto bene...
"Il giovane Holden" l'ho letto a diciassette anni e, com'è ovvio, mi piacque. Alla follia. Com'è altrettanto ovvio, col passare degli anni ho ridimensionato il mio giudizio.
"Il piccolo principe", pure... no, niente. "Il piccolo principe" mi ha irritato fin da subito. E ti scrivo solo per ringraziarti di avermi confermato che non sono solo!

ha detto...

In realtà a me all'epoca non era dispiaciuto. Letto con lo spirito con cui si legge qualcosa di leggero, a 20 anni, per inframezzare letture più impegnative (forse stavo leggendo l'Ulysses di Joyce in lingua originale in parallelo tanto per capirci).

Non ne ricordo molto però, se non che alla fine delle letture di solito nel week end, mi sentissi rilassata. Di altri libri riesco addirittura a ricordare dove mi trovassi mentre li leggevo, non credo sia irrilevante come e cosa la nostra mente ricorda (o meno).

elenamaria ha detto...

Comprai il libro convinta, come la tua amica, che si parlasse diCelestino V, papa che, seppur laicamente, amo per tanti motivi. L'Aquila, la basilica di Collemaggio, Silone e via dicendo. Lo lessi un po' ma capii subito che non sarebbe cambiato nulla, che quella noia iniziale camuffata da aspettative di vediamo adesso cosa succede, sarebbe durata fino alla fine. Come per i libri di Andrea De Carlo, per dire. Per cui restò lì, non so più dove.
Sconsiglia sconsiglia, mi piacciono gli socnsigli.

gioV ha detto...

Anche io adoro gli sconsigli e amo il piccolo principe ( e in genere tutto saint exuperi) mentre ho detestato il giovane Holden. È molto bello leggere la storia dietro a un libro letto,grazie.

Linda ha detto...

Preferisco gli sconsigli, li trovo meno saccenti e piú umani, e molto più divertenti.
Ho amato Holden quando avevo la sua etá; ora lo trovo superato e datato, ma è fisiologico, credo, come tanti eroi o non eroi dei miei anni verdi.
Ciao, Murasaki, buona domenica.☺

pensierini ha detto...

O cielo, le verdurine che emanano l'aura energetica. Basta questo.

ellegio ha detto...

A dire il vero, prima che io decida di leggere un libro che nel titolo ha la parola "profezia", ci devono essere seri motivi, e infatti non l'avevo letto. Il giovane Holden sì, chissà come sarebbe rileggerlo ora. Per il piccolo principe ho fatto uno sforzo, non sono pentita ma devo dire che anch'io lo trovato piuttosto irritante.

Murasaki ha detto...

@Viviana
Sorella! :)

@Acquaforte:
come probabilmente saprai, il Canzoniere gode di una sua cerchia di estimatori. A dire il vero qualche poesia non dispiace nemmeno a me :)

@la povna:
sì, la mia amica non è mai stata incline a quel tipo di letture. E le verdurine con l'aura le diedero il colpo di grazia.

@dolcezze:
purtroppo l'ho restituito alla legittima proprietaria, nonostante le sue insistenze perché lo tenessi...

@Gaber Ricci:
Mica tanto ovvio: sono sicura che Holden non mi sarebbe piaciuto nemmeno a diciassette anni, mentre gode di un folto gruppo di estimatori assolutamente adulti!

@Cì:
Sì, certi libri anche per me sono associati indelebilmente ai luoghi e i momenti in cui li ho letti per la prima volta.

@Elenamaria:
verissimo, i tre libri di De Carlo che ho letto mi hanno fatto esattamente quell'impressione. E devo ancora capire come mi venne in mente di provare a leggerne un terzo.

@GioV
Sì, anche a me piace molto sentire le storie legate alla lettura di un libro. Sono ricordi importanti.

@Linda:
Buona Domenica a te :)
Ma temo che questo sarà il mio unico sconsiglio. Non mi piace cenciare i libri preferiti altrui, anche perché DETESTO quando cenciano i miei.

@Pensierini:
Oh no, non c'erano solo le verdurine con l'aura energetica, c'era molto di più ^__^

@LGO:
Oh, io non faccio molto caso ai titoli. Mi ci vedo benissimo a comprare "Harry Potter e le verdurine con l'aura energetica" senza batter ciglio :)

Linda ha detto...

Inviata mail, Mrs.Murasaki! :)