Il mio blog preferito

lunedì 7 settembre 2015

Nuovi e assai curiosi sviluppi della guerra all'ideologia gender



Sono fermamente convinta che questa foto è un fake, ovvero un immagine falsa e tendenziosa, né più né meno di questa:



Va però detto che né l'una né l'altra sono state smentite ufficialmente dagli organi di competenza, e dunque vai a sapere.

Durante l'estate la Grandiosa Guerra All'Ideologia Gender è proseguita senza sosta. Per mia buona sorte però le pagine che seguo su Facebook sono dedicate a questioni più serie e concrete - per esempio i draghi. 
Un bel mattino però sotto i miei occhi è passato un avviso che qualcuno aveva fatto rimbalzare da WhatsApp su Facebook:


Ne circola anche una versione più minacciosa, che reca l'aggiunta

Attenzione, vi diranno che non è vero, che non c’entra niente con il gender. Vi parleranno di cose buone come il rispetto , la lotta al bullismo, lotta alla violenza contro le donne e simili. PARITÀ DI GENERE, EDUCAZIONE ALL’ AFFETTIVITA’ PAROLE CHIAVE dietro le quali vogliono nascondere l’indottrinamento all’ ideologia gender dicedovi anche che questa non esiste. NON CASCATECI !!!! CON INGANNO VI FARANNO FIRMARE LA VOSTRA CONDANNA e non potrete più far niente perché avrete dato il vostro consenso. NON FIRMATE !!!!!

Tutto ciò è rimbalzato da un social all'altro per tutta l'estate approdando financo sui giornali e portandosi dietro una tale infinità di stupidaggini che, se qualcuno riuscisse a metterle in fila, potremmo farci comodamente il giro della galassia, e in tanti hanno discusso in lungo e in largo di ideologia gender come se questa esistesse davvero. Del resto, ormai probabilmente esiste davvero, almeno nella mente contorta di chi l'ha elaborata e la propaganda, e dubito che il pur vigoroso nuovo intervento del sottosegretario Faraone riesca a modificare questo dato di fatto o a sfatare la leggenda che tutta la legge sulla Buona Scuola è stata solo un abile manovra di Renzi per inserire il Terribile Gender nei programmi scolastici.

Naturalmente sono ricomparsi anche i fantomatici corsi di masturbazione in classe e a questo punto temo assai che, se non ci sbrighiamo a smontare al più presto questa voce, ci ritroveremo messi all'angolo non solo da torme di genitori infuriati che ci rimproverano di fare corsi di masturbazione agli alunni sin dalla più tenera età, ma anche e soprattutto da torme di scolari di ogni ordine e grado ancor più infuriati perché NON glieli facciamo e continuiamo invece a propinargli le solite, scialbe lezioni sul teorema di Euclide, la prima guerra mondiale, le varie forme di energia rinnovabili e non rinnovabili, il predicato verbale eccetera. 
Peggio che mai sarà con gli implumi scolari prepuberi che non sanno ancora cos'è la masturbazione ma che, davanti alla ferma risoluzione degli adulti ad impedirgli di seguire delle lezioni in tal senso, ne concluderanno che è una materia ganzissima e vorranno assolutamente studiarla, tormentandoci in tutti i modi perché ci decidiamo infine ad insegnargliela - dal che verrà a tutto il corpo docente grandissimo imbarazzo e difficoltà perché non disponiamo né di manuali né di linee guida ministeriali che ci possano soccorrere. 
E come facciamo con le valutazioni? E le verifiche? Dove accidente possiamo trovare una verifica a crocette sulla masturbazione? E come ci regoliamo con i dislessici? Come funzionano, per la masturbazione, gli strumenti compensativi? E come ce la caviamo per segnare i voti sul registro? A quale obbiettivo didattico li colleghiamo? E i lavori di gruppo?
E lasciamo stare, per carità, gli aspiranti insegnanti che stanno seguendo il tirocinio.
Insomma, sarebbe veramente un problema. Tra l'altro non abbiamo nemmeno la classe di concorso per la masturbazione!

Per fortuna nessuno ci chiede nulla di tutto ciò, nonostante le sempre più esose pretese che il Ministero avanza nei nostri confronti (vogliamo ricordare che da una vita il nostro contratto è scaduto?).

Ad ogni modo il minaccioso messaggio che circola tuttora sui telefonini dei genitori dimostra al di là di qualsiasi ragionevole dubbio alcune cose:
1) il livello di fiducia che le famiglie hanno nella scuola statale (e di conseguenza nello Stato) è veramente basso se non del tutto inesistente, e tanti di loro trovano perfettamente credibile l'idea che la scuola cerchi di fregarli e carpire la loro buona fede nemmeno fossimo tanti venditori di enciclopedie o di improbabili contratti telefonici o di energia elettrica incredibilmente convenienti che però producono regolarmente bollette altissime
2) la gran parte dei genitori non ha la minima idea di cos'è il Patto educativo di corresponsabilità e lo considera né più né meno uno dei tanti moduli da firmare che gli rifilano all'atto di iscrizione. Non me la sento di dargli torto perché la penso esattamente come loro
3) ben pochi genitori conoscono la differenza tra POF, alias Piano di Offerta Formativa (che è quello dove le scuole dovrebbero infilare un riferimento alle eventuali lezioni di masturbazione, caso mai ne venissero svolte) e Patto di Corresponsabilità (che è essenzialmente un modo molto prolisso e soporifero di ricordare alle famiglie che la scuola funziona solo se tutti fanno la loro parte).

A titolo del tutto personale ci aggiungo un paio di corollari:
-  il Patto di Corresponsabilità è il classico documento con il quale o senza il quale il mondo e la scuola restano tali e quali. Mai è servito e mai servirà a niente che non sia incomodare chi l'ha scritto e compilato e chi lo sottoscrive. Per la maggior parte dei genitori è inutile perché sempre hanno fatto quel che ragionevolmente gli veniva richiesto e sempre lo faranno, per gli altri genitori è inutile perché considerano la scuola un inutile stupidaggine o sono talmente assorbiti da altre cose che la scuola dei loro figli (e talvolta i loro figli stessi medesimi) sono l'ultima delle loro preoccupazioni
- sia il Patto di Corresponsabilità che il POF che tutta la documentazione scolastica guadagnerebbero davvero molto ad essere infine redatti in un italiano dignitoso e comprensibile, e ad avere dei nomi meno idioti.

19 commenti:

ammennicolidipensiero ha detto...

oh santi numi.
sindaco leghista che si era rifiutato di partecipare alle ricorrenze epr il 70esimo 25 aprile, leggo. va' te che curiose coincidenze.

p.s. dove posso firmare per sottoscrivere i corollari?

dolcezzedimamma ha detto...

Meravigliosa, come sempre, Murasaki! In effetti ciò che turba, in questa discussione che, personalmente, mi risulta pittosto oziosa, è che si prenda passivamente per buono ciò che viene fatto passare, in varie forme, in Rete. Per quanto mi sforzi, non riesco ad immaginare la dolce maestra del mio Cucciolo che fornisce le suddette lezioni (e, in tutta onestà, non vedo neanche me medesima a proporle).

EVA ha detto...

che giorno è oggi? 8 settembre avanti Cristo???
"Avvicinare" i giovani alla comprensione. al rispetto ed alla pietà è "indottrinare" secondo qualcuno?
Possibile che per qualcuno "toccare il fondo" implichi "continuare a scavar(si la fossa)"? Meglio le tenebre ed il nulla alla luce, all'erba verde e ad un bell'Arcobaleno?
Brava Murasaki, come sempre articolo, no anzi, Pensiero molto profondo e pieno di coraggio e determinazione. Brava!!!

Aliceland ha detto...

Ancora una volta hai meravigliosamente esposto una questione alla quale stavo pensando anch'io :-)
Aggiungerò solo un mattoncino, su fb una illustre sconosciuta che però ha un'amicizia in comune con me, ha pubblicato la notizia farlocca e ha commentato con un bel: qualcuno può darmi delle lucidazioni in proposito?
Avrei tanto voluto rispondere che a casa mia c'è sempre qualcosa da lucidare se proprio non sa cosa fare...ma non volevo iniziare una faida o una rissa on line :-D

ellegio ha detto...

Sugli strumenti compensativi ho avuto un attimo di smarrimento :-)

roceresale ha detto...

Il test a crocette di masturbazione per il dislessico è qualcosa che mi accompagnerà ridendo tutto l'anno, sappilo.

acquaforte ha detto...

Internet ha determinato il trionfo dell'informazione spazzatura. Falsità create ad arte, con scopi ben precisi legati al fanatismo e diffuse dal passaparola. Così assurde nella loro pseudo scientificità da poterle credere possibili. Non ti spiegheresti altrimenti le credenze su oroscopi, medium, letture di tarocchi ed altre amenità che inconsciamente molti di noi finiscono per accettare. Se poi tocchi i bambini, persino le persone con raziocinio diventano insicure e spaventate....
È come per la calunnia: continua a parlarne, qualcosa resterà. È molto difficile difendersi, ma stare in silenzio può contribuire a far diventare il falso una verità. Viviamo davvero tempi difficili....

Murasaki ha detto...

@Ammennicoli:
Immagino che il Terribile Gender lo preoccupi troppo per lasciargli tempo per sciocchezze quali le feste nazionali. Tra l'altro persone informate dei fatti mi garantiscono che la foto del pannello è autentica e senza alcun tipo di ritocco...
(per i corollari prima o poi aprirò una raccolta firme, o convincerò qualcuno ad aprirla, perché son proprio stufa)


@Dolcezze:
ti confesserò, fatico anch'io a immaginarmi in cotal guisa ^__^

@EVA:
hai riassunto perfettamente la questione: per qualcuno "avvicinare i giovani alla comprensione e al rispetto" equivale a "indottrinarli". Dimenticandosi che la scuola è tenuta appunto per legge ad avvicinare i giovani ai valori della Costituzione - che parla appunto di rispetto e tolleranza come DOVUTI a chiunque.

@Alice:
scansare le flame in rete è cosa buona e giusta, ma a volte senti proprio le mani che ti bruciano...

@LGO:
Infatti ^__^
Vogliamo parlare delle interrogazioni (esercitazioni, nel nostro caso) programmate? Del diritto ai dislessici di avere più tempo nelle verifiche? E del loro diritto ad aiutarsi, durante le verifiche, con appositi schemi e formulari? E magari anche con attrezzature elettroniche? Dopotutto il cybersex è una realtà ormai da molti anni!

@roceresale:
ammetto che era proprio quello il mio scopo ^__^

@acquaforte:
tempi difficili, sì. E qualcuno si industria in ogni modo a renderli ancora più difficili.

EVA ha detto...

@Murasaki:
....che sconforto...a volte....
@acquaforte:
"la calunnia: continua a parlarne, qualcosa resterà. È molto difficile difendersi, ma stare in silenzio può contribuire a far diventare il falso una verità"
Argomento terribile, frase stupenda nella sua tragicità. Simile a quella tanto "amata" da un "famoso" politicante (truccato e coi tacchi) e che ripeteva e ripeteva e ripeteva:
"una bugia ripetuta tre volte diventa verità"
Bravo SETTE +
Ovviamente scherzo!!!
Ciao

la povna ha detto...

Però la facilità con cui una quantità di gente insospettabile viene intontita da questa contro-informazione ci dà la misura della diseducazione di questa nazione, all'interno della quale talvolta ho il sospetto di essere una specie di pesce inconsapevole che si muove in un acquario riserva. E questo livello di diseducazione, nel suo complesso, getta luci molto sinistre sul lavoro pregresso, ma anche in progress, di questa nostra povera scuola. :-(

(Sia chiaro, ma meglio specificarlo: questo mio non è un commento a difesa delle puttanate da te ricordate, in nessun modo. Solo una riflessione a margine: perché pensare che ci sia una così alta percentuale di famiglia che si rifiuta di ragionare nel buon senso è semplicemente desolante, ecco cosa è...

EVA ha detto...

@povna:
è chiarissimo e sono completamente d'accordo...pure nello conforto....
Ma, come diceva qualcun'altro e pure la mia bis-nonna (che era del 1902 e sua mamma, giovanissima, la tenne nonostante il padre, di "buona" famiglia non si sia mai voluto prendere responsabilità in tal senso anzi...) CHI FA DA SE FA PER TRE !!
PercIò rimbocchiamoci, ancor di più, le maniche e AVANTI ;-)

EVA ha detto...

ops...manca una lettera chiarificatrice...sorry...volevo scrivere:
"pure nello Sconforto"...ma credo si capisse lo stesso....
Ciao

Stefano Bersanetti ha detto...

Post che mi ha fatto veramente scassare dalle risate, soprattutto immaginandomi gli studenti che considerano "ganzissime" le lezioni di masturbazione.
Anche io credo che il primo cartello sia un fake, ma sul secondo... (nota: sto guardando la trilogia in questi giorni, per cui sto vivendo tra Mordor e la Contea...)

N.B. Poichè non so se tu sia in Facebook, posto il tuo articolo sul gruppo #adotta1blogger, che ha l'obiettivo di creare un network. Oramai siamo quasi 700. Mi sembra una bella iniziativa.

melchisedec mel ha detto...

Esilarante. E non rivelo quello che circola nel mio paesello. Si parla già di benedizioni di massa e messe di liberazione da Satana, come già è avvenuto in occasione di un gioco diffusosi in rete e circolante tra gli imberbi. Che risate!

Anonimo ha detto...

Tutto vero. basta vedere al link

http://www.vallesabbianews.it/notizie-it/%28Prevalle%29-Il-Comune-contro-l%27ideologia-gender-33930.html

il grigio sloggato

Murasaki ha detto...

@la povna:
sì, povna, siamo pesci in un acquario-riserva, e i fondali intorno a noi riservano continue sorprese.
Quanto alla scuola, ecco: la scuola italiana è fatta di insegnanti italiani cresciuti in un contesto italiano che lavorano con figli di italiani e non italiani ma quasi sempre cresciuti in contesti italiani e dunque sotto questo aspetto fa quel che può, e non quel che dovrebbe ma non può. Per trovare una via d'uscita ci vuole tempo e tanta pazienza. E magari un informazione migliore. Ma, di nuovo, anche l'informazione che abbiamo in Italia è italiana. Comunque il fatto che i leghisti non abbiano di solito un alto livello di istruzione potrebbe in parte lenire la nostra amarezza. Forse. Chissà. Magari.
P.S.: mi sono appuntata la tua ricetta per la pastella!

@EVA:
Come diceva Gramsci, occorre il unire il pessimismo della ragione con l'ottimismo della volontà. E, del resto, nemmeno i saggi conoscono tutte le vie (no, questo non lo diceva Gramsci, ma un tale che girava con vesti grigie e un lungo cappello a punta ^__^ )

@Stefano:
ahimé, ci informano che anche il primo cartello è veridico. E a volte qualche orchetto a disposizione farebbe un gran comodo, soprattutto se AFFAMATO e combattivo.
Adotta1blogger? Mi sembra carinissimo, grazie. Sono su Facebook, ma sotto falso nome, cioè con la mia vera identità di rispettabile insegnante, e tengo i due mondi separati con gran cura...

@Mel:
Una messa per la liberazione da Satana sarebbe un ottima idea, anche se forse l'idea mia e quella del tuo paese su quali siano le presenze sataniche probabilmente non coincidono al cento per cento... ^__^

@grigio sloggato:
ahimé, prendiamo atto e deploriamo!

nella classe arancio ha detto...

Sarebbe sicuramente un evento curioso che un Parlamento non favorevole alle unioni di fatto (anche se etero) approvi una legge del genere.

wild horse ha detto...

Anch'io ho ricevuto un minaccioso messaggio via WA da parte di un conoscente che è stato immediatamente bandito dalla cerchia dei frequentabili; il problema grosso è che c'è ignoranza (nel senso di ignorare) diffusa e che non c'è volontà alcuna di "conoscenza" di "informazione" di "sapere".

P.S.: ho sempre ritenuto che la masturbazione fosse materia da autodidatti...

Murasaki ha detto...

@nella classe arancio
I due parlamenti precedenti erano contrari, o comunque gli fu fatto capire che dovevano essere contrari.
Quello di adesso, composto per un quarto dai Cinque Stelle che non hanno aderenze col Vaticano, può dare un risultato diverso. E poi staremo a vedere!

@wild horse
L'ignoranza banchetta a quattro palmenti sulle nostre tavole, è un fatto. Quanto alla materia in questione, corre voce che in effetti molti se la cavino anche senza l'insegnamento curriculare ^__^